Contatore

martedì 30 novembre 1999























15 commenti:

  1. tu sai quanta traccia lasci su di me questa canzone, tu sai

    RispondiElimina
  2. Andrea Parodi però....è un'altra cosa



    notte

    RispondiElimina
  3. Una delle migliori versioni di una canzone che mi ha sempre preso ai coglioni.

    RispondiElimina
  4. Già. Andrea Parodi era tutta un'altra cosa.

    Soprattutto in qull'ultimo concerto.

    Ascolta quella versione.

    C.

    RispondiElimina
  5. Al primo ascolto non capisco.

    Al secondo comincio a sentire qualcosa.

    Al decimo ti saprò dire cosa ne penso.

    Mi son dovuta fermare al secondo ascolto, purtroppo... perchè il capo m'ha detto "ma perchè invece di ascoltare sta nenia non mi prepari un caffè???".


    Lo dico sempre... i capi non capiscono un cavolo (perchè io dico parolacce ma non riesco a scriverle)!

    RispondiElimina
  6. Ascoltata ancora e ancora e ancora.

    Ma specialmente... letto il testo e la traduzione in italiano.


    Struggenti le note e le voci. Splendide le parole.

    RispondiElimina
  7. Ho citato questo post nel mio blog..mi piaceva tanto e trovavo bello che tu lo avessi creato. In bocca al lupo per tutto!

    RispondiElimina
  8. A me non piace.

    Ma, magari, è solo perché non capisco e non conosco.

    I am limited.

    ...insomma, piacerebbe che anche a me lasciasse una traccia, ma niente.

    RispondiElimina
  9. Splendito, il commento di Retorico dico.

    Sono d'accordo con lui.

    Sarò ignorante, non lo sarò?

    Pazienza!!!

    RispondiElimina
  10. confermo il pensiero di Giuggiole...ahimè, non la "sento" proprio...

    :-(

    RispondiElimina
  11. Una delle canzoni d'amore più belle nel mondo...da dedicare ad una persona speciale sicuramente...

    RispondiElimina