Contatore

martedì 30 novembre 1999

HEAUTONTIMORUMENOS



Ė il titolo di una commedia di Terenzio. Traduzione letteraria di un modello greco, vuol dire Il punitore di se stesso e racconta di un padre che, per avere causato l’allontanamento da casa del figlio, passa i giorni a “punirsi”, lavorando nel suo campo pur avendo numerosi schiavi che potrebbero farlo per lui.
Mi è tornata in mente l’altra notte, mentre vedevo SilSilvio di nuovo in TV. Principe degli impuniti, è di nuovo sulla breccia. Fesso e indefesso, ha ripreso a calcare le televisioni come un trattore e così capita che, a notte inoltrata, me lo vedo intervistato dal Giornalista Geneticamente Modificato Gianni Riotta.
Horribile visu. Insieme hanno detto delle cose da far saltare l’accordatura alla chitarra appoggiata sul divano. Pareva la versione grottesca di Totò e Peppino.
«Grottesco è una parola che mi inquieta», diceva Holmes in qualcuna delle sue avventure, e sono d’accordo con lui. Vuol dire un misto di tragico e comico, ma la sfumatura tragica è sempre più marcata. Io, a discapito del suo sorriso da un milione di dollari, continuo a pensare che sia un uomo pericoloso, che si circondi di gente pericolosa, che voglia fare delle cose pericolose. Continuo a pensare che la Lega e la Destra di Storace messe insieme sembrano un parto di Joseph Mengele. Eccolo di nuovo qua come niente fosse cambiato, quando ancora si sente la eco dei passati cinque anni del suo governo, che non si esauriscono là, ma lasciano delle ripples che durano a lungo: nella mentalità della gente, nel desiderio di assomigliargli, di emularlo. SilSilvio ha dato la stura a centinaia di piccoli furfantelli come lui, di piazzisti alla ricerca di denaro facile. “Ce l’ha fatta SilSilvio? Ce la farò anche io”.
Veltroni d’altra parte, col suo cervello insonorizzato dai cartoni delle uova, fa pena: sembra un panetto di burro lasciato al sole. Intelligenza compresa. Dobbiamo affidarci a un tipo del genere? Non gli farei fare nemmeno la lavatrice dei colorati.
Strada aperta dunque per il palazzinaro milanese e la sua Corte dei miracoli: Bondi, Cicchitto, Vito, Scajola, Bonaiuti, al primo banco, poi le retrovie subdole, Belpietro, Ferrara, Giordano, Feltri il minus habens violento.
Tutti che brillano della luce riflessa dell’immarcescibile sorriso da un milione di dollari: ma dove terrà il suo putrido ritratto Dorian?



17 commenti:

  1. "Veltroni , col suo cervello insonorizzato dai cartoni delle uova" è l'affrmazione più bella che io abbia mai sentito...

    ma mi chiedo.. perchè gli Italiani sono sempre costretti a scegliere il minore dei mali?

    RispondiElimina
  2. per HOLMES intendi John Homes, il mitico?

    RispondiElimina
  3. Guarda, con la classe politica che abbiamo... se ci fosse ancora Almirante lo voterei, anche se sono della fazione opposta.

    Purtroppo non possiamo sempre uccidere tutto. L'antipolitica non porterà a nulla.

    Leggo Grillo, leggo Travaglio, ascolto Viva Radio 2, ma cosa si risolve? Cosa vogliono farci fare? Dire no a tutto? Non votare?

    Io alle primarie del PD non ho votato perchè avevo un'influenza terribile... ma se avessi votato avrei votato Letta. Per la sua faccia pulita, non per altro.

    Ma Veltroni è ciò che è venuto fuori e che era scontato uscisse fuori.

    Io dico che probabilmente voterò Di Pietro. Perchè parla facendosi capire, perchè non è qualunquista, perchè parla quando sa (carte e numeri alla mano), perchè non ha portato nessuno con se quando è divenuto Ministro delle Infrastrutture. Anzi... il primo giorno è entrato in ufficio, s'è tolto la giacca, ha arrotolato le maniche della camicia fino al gomito ed è andato in tutti, e sottolineo tutti, gli uffici del Ministero presentandosi ai dipendenti e stringendogli la mano (lo so per certo perchè conosco gente che ci lavora da anni e che è rimasta a bocca aperta).

    L'Italia dei Valori è stato l'unico partito che ha provato a fare questo http://www.repubblica.it/2008/01/sezioni/politica/crisi-governo-5/doppio-rimborso-ai-partiti/doppio-rimborso-ai-partiti.html

    per L'Italia.

    Non mi pare male. Ho sempre dato il voto a Rifondazione Comunista perchè credevo alle parole di Bertinotti... però ora credo più ai fatti di un Di Pietro che mi appare come il politico più vicino alla gente, un non-politico in sostanza. E per non politico intendo uno che non ha i tratti peggiori del politico (o forse politicante?) italiano da 20 anni a questa parte.

    RispondiElimina
  4. Falcone comunista...cosa vuoi votare?? Bertinotti?? il nuovo che avanza?? Che tristezza..

    Quella che, qui in Italia, chiamano democrazia è così! Perchè purtroppo gli italiani hanno un concetto pecorone del suddetto termine.

    Non siamo veramente liberi di scegliere. Ci obbligano a scegliere tra lo schifo e il meno schifo. E' come se fossimo dei topi di laboratorio in un percorso. Ci si illude di cercare l'uscita, ma è tutto obbligato, la strada è già segnata.

    Ma all'italiano va bene così!

    RispondiElimina
  5. ti dirò...avevo grossi dubbi su Walter ma, tralasciando il fatto che il Cainano è il male assoluto che può accadere in Italia (e lo dimostrano i suoi 5 anni di malgoverno) in questi giorni sto seguendo quello che porta avanti il PD e non mi dispiace. Inoltre apprezzo anche che ci sia Di Pietro e spero anche in un innesto di Socialisti e Radicali...insomma, direi che voto PD...

    RispondiElimina
  6. Volevo scrivere le stesse cose di PF1.

    Sinceramente non saprei cos'altro aggiungere.

    Se volevano, rimandavano la caduta del governo, il tempo di fare la riforma, ma non lo hanno fatto, perchè ormai sono alla frutta e la destra sa bene che questa è la loro ultima chance

    RispondiElimina
  7. voglio andare via dall'Italia.... è una nave che cola a picco.. non c'è più nulla da salvare.

    Baci by Misia

    RispondiElimina
  8. mà..io vado per conoscenze dirette nel PD, mi affido all'onestà di una persona che ho avuto modo di conoscere bene e stop, si vedrà..


    la critica aspra è bene accetta quando come te fa trasparire una preoccupazione umana per sè e per la comunità in genere, quando arriva ad un'apatia anarchica invece mi fa venire le bolle

    RispondiElimina
  9. @ziacris: non sei troppo grande per certe cose??


    :)

    RispondiElimina
  10. Voterò anch'io Di Pietro ...


    ripeto ciò che hai scritto da me

    Rivoluzione! Rivoluzione!!

    RispondiElimina
  11. I due "oni" hanno il dna simile nonostante provenienze diverse.

    Amano il Bel Paese, Amano il Buon Cibo, Amano la Chiesa, Amano il Presidenzialismo, Amano il Presenzialisno, Amano Bruno Vespa, Amano la Maschera,

    Non Conoscono i Problemi della gente.

    Non votare resta la soluzione ineludibile.

    Michele

    RispondiElimina
  12. io voto i gialìss e il loro fiume di parole.

    RispondiElimina
  13. la notte devi trovarti di meglio da fare! :-)

    RispondiElimina
  14. Io voto Walter nella speranza che non perda la elle per strada e mi ritrovi ad aver votato un water!!!!

    RispondiElimina
  15. La stura gliela danno i molti, moltissimi che credono ancora in lui.

    E' innegabile che ha le spalle parate e probabilmente vincerà, anche grazie a quell'accordo strano con "AN".

    Sa vendersi, sa vendere e al momento dell'incasso ha i suoi metodi, per chi non vuol pagare.

    Daniele

    RispondiElimina
  16. l'anonimo ero io , Trascolorare

    RispondiElimina
  17. solo una posa , nessuno spavento:P

    RispondiElimina