Contatore

martedì 30 novembre 1999

IL BEL TOMO












Il Falcone è solito, nelle ore diurne, spostarsi con gli autobus. Dovendo percorrere un vasto tratto di mare (il Poetto) è una cosa che ama molto fare. Gli capita di prendere perciò spesso alla stessa ora lo stesso autobus, la cui fermata è collocata in una specie di piazzola fiorita.
Ora, in questa, vi trova frequentemente un bel tomo che vi pascola il suo orribile cane: trattasi di bestia con forza taurina, muscolatura compressa e muso allungato tipo formichiere.
Ben inteso, il Falcone adora i cani, molto più dei bambini, per esempio. Costui è un giovine sulla ventina, abbastanza grosso e muscoloso, griffato dalla testa ai piedi, modello pantaloni bassi con boxer in evidenza e relativa griffe, occhiali da sole che gli coprono mezza faccia e spesso ridicolamente posti su una cuffietta o cappellino. Anche di notte. Ė, insomma, un perfetto e spavaldo deficiente, o per dirla col Piotta (e potrebbe forse esserci fonte più autorevole?):
Ignorante con l’abbronzante, abbondante tra le mutande”.
Il falcone ha questo pregio/difetto: gli si legge in faccia ciò che pensa. Anche recentemente durante un master una docente ebbe a dirgli, molto simpaticamente, che mostrava palese rifiuto per le sue lezioni, in maniera inequivocabile.
Come è come non è, anche guardando questo imbecille evidentemente si palesano espressioni non equivocabili, tanto che lui, accortosene, dapprima lo fissa con supponenza, ora palesemente attende il momento per provocarlo o mettergli direttamente le mani addosso, cosa di cui evidentemente smania.
Ora però caso volle che, tempo fa, la mamma di questo ottuso mi fece un pompino.
E vabbeh, cose che capitano.
La memorabile fellatio venne poi antologizzata qua alla voce del “pompino atipico”.
Essendo però decisamente più esile del suddetto, e del resto del tutto alieno da qualsiasi forma di violenza, al Pennuto della blogsfera, di fronte a questa imminente violenza non restano che due soluzioni:


A) Chiedere a Massimino se per gentilezza me lo accartoccia. (Chiamare l’amico, tipo alle elementari)
B) Poggiargli una mano su una spalla e dirgli:
«Su, da bravo, adesso vieni con me che ti racconto che razza di gran  #!@ ?*#  è tua mamma».


 


PS
Il Falcone ringrazia Daniela la Dottoressa del web per averlo messo tra i preferiti, e spera anche lui di poterle mettere qualcosa (tra i preferiti).

32 commenti:

  1. facci sapere come va a finire... anche dall'ospedale... ;)

    RispondiElimina
  2. in merito al punto B) come credi che glieli abbia comprati gli abiti griffati?

    RispondiElimina
  3. grazie per la visita, ma ... come ti ho risposto: con un po' di zucchero in più va tutto meglio... e nel mio caso lo "zucchero" è l'amore!!! =^.^=

    RispondiElimina
  4. Il piano B è da cancellare assolutamente, essù. Certe cose non si raccontano, punto. Altrimenti, scusami eh, diventi immediatamente un deficiente anche tu, anche se non sei inutilmente griffato.

    La tapina deve già sopportare un figlio idiota, non si può infierire oltre, no no ;-)

    Propongo un piano C, cambiare fermata e farsi un piccolo sano tratto di strada in più per evitare il mentecatto.

    (Certo che sei strano, uno come te nelle piazzole fiorite dovrebbe guardare le gnocche ventenni, mica i cagnoni con al giunzaglio i padroni coatti)


    ciao! :-)


    un saluto :)

    RispondiElimina
  5. Voglio dire, la tapina mi ha fatto un pompino.

    Cosa volere di più dalla vita?

    E' passato un sacco di tempo però: credo che mi abbia rimosso (mi sembrava abbastanza adusa alla pratica).

    Raccontandolo al figlio rinfrescherei la memoria ad entrambi.

    RispondiElimina
  6. vedo che la nave scuola ha lasciato il segno.......^^

    RispondiElimina
  7. waw...jo è un nuovo tipo di file musicale?

    RispondiElimina
  8. La seconda direi che è di cattivo gusto!! Decisamente...poi facci sapere..tanto il marino è lì a due passi...

    RispondiElimina
  9. Ma non è che tra qualche anno ti ritroviamo sposato con una cozza baffuta e incapace sessualmente?

    Dal post sembri il tipo provinciale che fino ai 35 svolazza di fiore in fiore (che poi chiama #!@ ?*#) e poi per paura di rimanere per una vita con un fiore che si fa impollinare da ogni alito di vento sceglie come compagna di vita la pianta grassa più brutta della terra che nessuno impollinerebbe mai? Ihihihih... scherzo, eh!


    Comunque... mai dare della #!@ ?*# ad una donna con cui hai avuto contatti personali... altrimenti tu cosa diventi? Fatti due conti...


    Comunque... di tipi come quello che incontri in fermata ce ne sono fin troppi in giro... che orrore!


    BesoS

    RispondiElimina
  10. Ma sai che "tipo provinciale" mi mancava?


    Omnia munda mundi

    RispondiElimina
  11. non ho capito...abbondante tra le mutande...sono le mutande grandi?

    RispondiElimina
  12. Ziacris, e no dai!

    Non mi cadere sul Piotta!

    RispondiElimina
  13. il signore si vede dalle piccole cose: escluderei quindi la B...anche perchè si deve sempre premiare chi ha fatto del bene (anche se ha un figlio idiota)!

    RispondiElimina
  14. bel blog

    passa sul mio se ti va

    RispondiElimina
  15. A me la B sembrava la scelta migliore...avresti dovuto perseguirla...è giusto che uno sappia cosa fa la mamma nel tempo libero...

    RispondiElimina
  16. io opterei per entrambe. Gli dico la verità sulla mamma e mi tengo vicino massimino per eventuali reazioni negative (eventuali?)


    p.s. grazie del passaggio al mio blog.

    RispondiElimina
  17. Ma scusa, era la storia del pompino vestito?

    Quello sopra le mutande, i pantaloni, il piumino?


    RispondiElimina
  18. Brava Bouche, che mi leggi con attenzione.

    Sì, mi ha mordiacchiato l'uccello per mezz'ora da sopra i boxer. Alla fine mi son stufato e ho trovato il modo per risolvere la situazione (te lo racconto in privato).

    RispondiElimina
  19. io non sono come la signora Longari che cade sugli uccelli

    RispondiElimina
  20. amico, indubbio, se vuoi ti do il numero di due miei conoscenti specializzati in questo tipo di operazioni...

    RispondiElimina
  21. C'è sempre una prima volta per tutto, per fortuna.


    Ma non ho detto che lo sei... ho detto che da ciò che scrivi sembra così, ma tanto lo so che tu scrivi tanto per pungolare la gente.

    Forse un quarto di ciò che scrivi è verità... forse.

    Io ti leggo per questo. Perchè fai riflettere a prescindere sei sei tu o no quello che vien fuori.

    Non m'infastidisce più di tanto la mancanza di verità in rete, anche se generalmente amo le persone autentiche perchè io lo sono ovunque.. anche nel web, mi infastidisce se lo fa chi fa parte della mia vita, ma no chi lo fa qui.


    'notte Falc

    RispondiElimina
  22. Questo post racconta un fatto vero al 100%, così come assolutamente veri sono tutti i post nel loro nucleo essenziale.

    Non sono molto interessato allo scrivere per far piacere agli altri.

    RispondiElimina
  23. tuo figlio?


    ...è più facile che un cammello passi per la cruna di un ago, no?!

    RispondiElimina
  24. Anch'io ho il tuo difettuccio. Mi si legge in faccia ciò che penso. Ma non sempre nuoce e spesso risparmia sprechi di parole.

    Troppo tonto per aver già scorto nelle tue pupille sua madre nell'atto ?? NIKKA

    RispondiElimina
  25. AhAhahah...beh, hai fatto bene e credo che quello che hai fatto, già basti!

    RispondiElimina
  26. >[...] con l’abbronzante, abbondante tra le mutande


    Abbondante?

    Sicuro?

    Mah.

    RispondiElimina
  27. non per essere retorica, ma forse anche: com'è che tu sei un grandissimo uomo dotato di fascino irresistibile per cui le donne non riescono a trattenersi dal prendertelo in bocca, e la donna invece è la solita zoccola?

    Insomma, è lei che ce l'ha in bocca: le basterebbe un morso e te lo porterebbe via! Ricorda che il potere è nella donna, e tu senza di loro dovresti farti togliere un paio di costole per raggiungertelo!

    Non dovresti definire zoccole le donne che troppo generosamente ti si concedono.

    Sono contenta di non fare pompini.

    RispondiElimina