Contatore

martedì 30 novembre 1999

POLITICHE ECCLESIASTICHE


Di ritorno da Cuba, dove ha incontrato il nuovo Presidente Raul Castro, Tarcisio Bertone a precisa domanda risponde di non aver sollecitato la scarcerazione dei prigionieri politici in quanto indelicato nei confronti di uno stato sovrano.
Sostiene però di aver promosso la diffusione della religione cattolica nell'enclave comunista.
I due sono comunque arrivati ad un accordo: i dissidenti imprigionati saranno infine giustiziati, ma solo dopo aver ricevuto il battesimo.

14 commenti:

  1. che raro esempio di umanità!!!!...

    e che amore per il prossimo!!!

    .....certo....possono anche essere torturati...umiliati...uccisi....

    MA...

    alla fine andranno in Paradiso!!!!...

    RispondiElimina
  2. Io non voglio andare in paradiso...

    Preferisco l'inferno ma senza torture, con calma, con dolcezza, senza coercizione, così..in democrazia!

    RispondiElimina
  3. ah beh... che bontà infinita...

    RispondiElimina
  4. che poi, ad un accordo, si arriva sempre.

    miracoli della diplomazia

    s.

    RispondiElimina
  5. A amen e così sia, nei secoli dei secoli.


    La religione cattolica ormai serve solo a far sfoggiare le pellicce e i gioielli in chiesa la domenica a chi si finge cattolico, mentre sputa sentenze e cattiverie anche al vicino di casa e al barbone che gli chiede un nichelino.


    Credo solo agli uomini, di chiesa e non, che fanno qualcosa di concreto per aiutare o semplicemente portare conforto a chi soffre.

    Il Vaticano è la piaga peggiore dell'Italia... e non vi dico di Roma, poi. Se non ci fosse la Pietà e il colonnato di Bernini... manco ci metterei piede.

    RispondiElimina
  6. Ma che cazzo due si vengono in contro (e niente battute, falcuccio) e tu ti lamenti!

    RispondiElimina
  7. la comunione e l'estrema unzione!!!

    RispondiElimina
  8. Bravo.

    L'ipocrisia scavalca gli Oceani in un attimo.

    Daniele

    RispondiElimina
  9. come sempre l'etica cattolica viene fuori, e ci lascia stupefatti...predicano male, razzolano malissimo. al rogo al posto delle streghe , pliz!!!

    RispondiElimina
  10. almeno durante la comunione si sarebbero bevuti un goccio di vino.

    col battesimo non ci guadagnano nulla.

    oltre l'ira di un dio incazzoso.

    RispondiElimina
  11. Ovviamente, la Comunione non è gratis. I parenti stretti dei condannati devono preventivamente versare una somma per aprire la porta battesimale d' ingresso nel regno dei cieli. L' entità della somma è stabilita dall' Opus Dei.

    RispondiElimina
  12. Desideravo ringraziarti per essere passato dal blog Isolasconosciuta.

    Approfitto per sbirciare e leggere qualcosa del tuo blog.


    Grazie.


    Rino.

    RispondiElimina
  13. Bravo. L'ironia è uno degli insegnamenti che inserirei come materia obbligatoria dall'asilo. Un modo per capire cosa accade nel mondo e soprattutto nel Potere.

    Michele

    RispondiElimina
  14. mi pare giusto, mi pare.

    mica che poi rischiano di andare all'inferno..

    RispondiElimina