Contatore

lunedì 24 settembre 2012

PARAH CULI




Ragazzi che belle giornate! State andando al Poetto a nuotare?
che dire, finalmente Cellino ha trovato qualcuno che, seppur a malincuore sembrerebbe, l’ha ridimensionato. Eh già, il questore, quasi scusandosi, sostiene che si deve legalmente procedere contro il Massimo-Minimo che, nonostante il divieto delle forze dell'ordine, ha invitato i tifosi a recarsi allo stadio.
Il presidente del Cagliari, psicopatico e arrogante, dopo aver fatto quello che voleva durante i 20 anni di amministrazione di destra nella città di Cagliari, suo malgrado dovendosi adattare ad un nuovo sindaco, da lui definito “un ragazzino” (Repubblica, 19-04-2012), e al rispetto delle leggi, preferisce andarsene dal capoluogo, investire e costruire uno stadio completamente nuovo vicino a Elmas, per lasciare il suo segno nella storia. Ma scusate se gli aerei non cambiano rotta per far piacere a lui, e allora non se ne fa niente.
Emigrazione N° 2: si va a Trieste, giusto per buttare un po’ di soldi (forse quelli risparmiati sull’Iva del fuoristrada targato Miami, portato in Italia senza aver versato le imposte necessarie). Ma neanche questa soluzione va bene. E allora dato che Floris non c’è più, Zedda non va bene, c’è necessità di un’altra sponda, che viene trovata nell’inconsistente sindaco di Quartu il quale, per darsi un po’ di sostanza, accetta di fare da spalla al presidente: in un mese uno stadio nuovo per la serie A, con annessi e connessi.
Quartu è una cita coperta di immondizie, con le strade bombardate, il litorale devastato, quartieri abbandonati da far invidia a Beirut negli anni 80, viabilità al centro da far venire la labirintite, però con uno stadio nuovo per la serie A.
Scusa Contini, e a quelli cui del calcio non fotte nulla?
Così Cellino, arrogante, è contento. Un paio di mesi e concessioni, appalti e messa in opera, lo stadio è pronto. Avete provato a chiedere la concessione al comune di Quartu per costruire un garage, per aprire una finestra?
Ieri Fiorito si è discolpato aspese de La7, mentre un paio di giorni fa si è discolpato a spese dei contribuenti da Vespa. Tutto regolare: vi pare? Champagne, ostriche, telefonate per decine di migliaia di euro, macchine, ville. Lo sappiamo tutti che queste cose accadono, ma quando ce le sbattono in faccia diventa difficile sopportarlo, specialmente quando il protagonista di tali malaffari, oltre che moralmente anche fisicamente, sembra proprio un sacco di merda. A parte tutto, sapete qual è la prova più lampante della colpevolezza di Fiorito? È difeso da Taormina! Tra quelli che ha difeso l’avvocato romano, per farla breve, si può dire che il più gentile era Priebke e la più sana di mente la Franzoni.
Per concludere, Micole Minetti, proditoriamente privata del palo per la lap dance (ma forse non di altri pali) e relativi introiti, ma sempre votata alla politica a 360 gradi o forse qualcuno in meno, si mette a sfilare per i costumi Parah. Non è giusto! Anche io voglio vedere La Spisa che sfila in costume!
Eh, povera Micole.
Aveva bisogno di un secondo lavoro.


2 commenti:

  1. per essere corretti
    e rispettare il nostro gioco, il gioco zemaniano
    avrebbero dovuto darci la partita vinta
    almeno 2-3, altro che 0-3

    RispondiElimina